Consulenza Informatica, a cosa serve

La Consulenza Informatica é una delle attivitá di consulenza piú ampie che si possano trovare, la figura professionale richiede una profonda conoscenza del campo IT e praticamente una base di ogni sua applicazione e sfaccettatura, dovrá progettare e seguire una moltitudine di attivitá e coordinarsi con altri professionisti per portare a termine incarichi spesso molto complessi.

Oltre alla conoscenze tecniche c’é da prendere in considerazione anche le conoscenze sul mercato perché dovrá anche essere in grado di esaminare preventivi, stimare rischi e analizzare costi – benefici di un determinato progetto. Riassumendo il consulente informatico é quella persona di fiducia che assiste il titolare o il direttore di un’attivitá aiutandolo a sviluppare un progetto IT, creando lo stesso progetto e portandolo a termine dirigendo il gruppo di lavoro che puó essere composto da professionisti interni o esterni all’attivitá.

Quali benefici porta all’azienda un Consulente Informatico?

La domanda é abbastanza lecita, perché pagare una persona per agire da tramite con un altra azienda oppure per progettare una cosa che verrá comunque spesso sviluppata da altri?

Parliamoci chiaro, chi gestisce un’attivitá molto spesso non ha il tempo materiale per seguire tutto e sopratutto non ha le conoscenze adatte per capire se un preventivo é in linea con i prezzi di mercato, oppure se una lavorazione piuttosto che un’altra sia la piú indicata per i suoi bisogni.
Il consulente informatico conosce sia il mercato che le tecnologie ed agisce esclusivamente in base al bene del cliente dunque la sua prerogativa deve essere quella di tutelare le finanze e la crescita del proprio cliente, sapendo non solo consigliare ma anche formare il cliente e il personale aziendale per ottenere il miglior risultato possibile ottimizzando i costi e i tempi.

Facciamo un paio di esempi pratici:
Un negozio ha la necessitá di gestire il magazzino in tempo rale e collegare questo sistema non solo al sito e-commerce aziendale ma anche interfacciandolo con il software di fatturazione elettronica, in genere é semplice si chiama un produttore o un rivenditore di software e gli si chiede un preventivo, ma non sempre risulta essere la scelta piú saggia perché queste tipologie di aziende hanno interesse nel vendere i loro prodotti ma non é detto che siano i migliori o che non ci siano prodotti migliori con un costo inferiore, il consulente informatico progetta il sistema con un analisi dei costi oppure redige una relazione che indica il preventivo migliore con analisi costi-benefici, infine puó anche dirigere il team di lavoro dell’azienda di sviluppo per creare l’applicativo giusto alle esigenze aziendali senza funzionalitá inutili o superflue.

Un altro esempio potrebbe essere rappresentato nella pianificazione della manutenzione e dello sviluppo dell’IT aziendale, qualsiasi negozio o azienda ha la necessitá di stare al passo con i tempi, ma é davvero difficile individuare il momento giusto per interventi di manutenzione o aggiornamento, il consulente informatico non guadagna facendo fare manutenzione o aggiornamenti non necessari dunque il suo interesse é esclusivamente quello di assistere il cliente tutelando le sue finanze stimando i tempi giusti per questo tipo di attivitá portando un netto risparmio alle sue finanze apportando solo gli interventi davvero necessari all’IT aziendale.

Ovviamente questi sono solo due semplici esempi ma come abbiamo detto inizialmente le attivitá del consulente informatico e le sue applicazioni sono talmente vaste che diventa quasi impossibile inserirle in una pagina.